mercoledì 23 novembre 2011

Quanto costa arredare casa – parte 1^

Nessun commento:
 
La casa giovane
Questo è il primo di una serie di articoli che nelle prossime settimane saranno pubblicati sul nostro blog e che vogliono parlare di costi legati all’arredamento.
Come primo argomento affronterò proprio il più spinoso, quello della “casa giovane”, ovvero la prima casa che una coppia si trova a dover trasformare nel proprio castello, e non importa che si parli di un monolocale o di una villa in campagna.
Si perchè immaginate due mondi, colmi di sogni, speranze, gusti, esigenze, che si fondono in uno unico che debba rappresentare l’essenza di entrambi, che debba fare i conti con la montagna di vestiti di lei e il sistema home theatre di lui, con la passione per la cucina dell’uno e con l’amore per i libri dell’altro, con la possibilità di ospitare tanti amici, ma di conservare tanto spazio vivibile… Insomma, questa è di sicuro l’impresa più ardua da affrontare quando ci venite a trovare in negozio e questo articolo è dedicato a voi.
Planimetria alloggio
La casa selezionata è un appartamento composto da ingresso living con angolo cottura,  due camere e due bagni, una delle situazioni più frequenti e anche una di quelle che richiede uno sforzo maggiore di integrarazione armonica delle diverse zone pur  preservando le funzioni specifiche di ogni area.
Vista living dall'alto
La proposta giovane vede allora la cucina realizzata in una composizione con penisola, che definisce l’area di preparazione dei cibi senza isolarla dal living, un mobile TV davanti a un divano che permette alle sedute di scorrere in avanti regalando 35 preziosi centimetri di comfort, ed infine una parte attrezzata con mobili sospesi ed una consolle che all’occorrenza si trasforma in un tavolo per sei/otto persone. La zona notte invece, più semplicemente, inserisce dietro la porta un capiente armadio scorrevole e, sulle altre pareti, trovano posto letto imbottito con contenitore, comò e comodini coordinati all’armadio.
Viste cucinaviste zona soggiornoviste zona notte
Nei disegni che vi sto presentando sta l’essenza del nostro modo di lavorare. Partiamo dalle vostre idee ed esigenze, dai vostri spazi, dai vostri gusti e realizziamo passo passo, dalla carta al disegno renderizzato in 3D, il vostro ambiente, in modo da rendere comprensibili i progetti, da sviluppare insieme gli spunti ed arrivare con voi, lavorando anche per tentativi successivi, alla vostra casa ideale.
Ma veniamo al titolo dell’articolo, vi ho promesso di parlare di costi e questo è quel che farò. Uno dei punti critici, infatti, in questa situazione è capire a quanto ammonta la cifra da investire. Quando si parte da zero purtroppo sono molte le spese da valutare e bisogna farsi un’idea di quali siano indispensabili e quali no, è necessario capire su quali punti concentrare i propri sforzi. Ecco quindi come i disegni che fin qui vi ho presentato diventano oggetti reali, esempi reali di come si può arredare casa.
Cucina mod. Mood di ScavoliniPartiamo dalla cucina, il modello scelto è la Mood di Scavolini. Si tratta di un modello che facilmente si presta ad essere integrato in un living grazie alla vastissima scelta di materiali utilizzabili. La nostra versione è in decorativo Rovere Kaki con elementi laccati lucidi bianchi. Piano di lavoro in laminato ed elettrodomestici Whirlpool e Smeg. Frigorifero free standing Haier con due cassettoni come vano congelatore. Cappa modello Moonlight di Falmec. La composizione da 360×245 con penisola, completa di elettrodomestici costa   7.490 euro (esclusi sgabelli). Non si tratta del modello più economico proposto dai nostri fornitori, né abbiamo inserito elettrodomestici con caratteristiche mediocri. Il progetto è stato volutamente realizzato con elementi di buona qualità, che permettessero possibilità di scelta di colori e materiali, che coniugassero funzionalità e bassi consumi, che badassero all’estetica, ma con un occhio alla praticità.
Soggiorno Zerocinque ditta Sil-trePer il living abbiamo seguito la stessa filosofia. L’arredo proposto è della Sil-tre, che realizza moduli da soggiorno con misure estremamente versatili, adatti ad accogliere sia la zona TV, che i libri, così come piatti e bicchieri in più che non trovano collocazione in cucina. Il mobile TV e i pensili sopra la consolle, realizzati in laminato opaco nelle finiture bianco, corda e grigio seta opachi, costano 1.100 euro.
Divano Tatlin PoltronarigoniIl divano è il modello Tatlin di Poltronarigoni. La composizione da cm 230 con penisola profonda 150 cm, in tessuto o ecopelle, costa 1.600 euro ed è caratterizzata dalla possibilità di spostare in avanti ogni seduta di 35 cm. Potrete quindi trasformarlo in area conversazione, area relax o addirittura in un letto aggiuntivo!Baron consolle ditta Calligaris
Ultimo elemento della zona giorno è  la  consolle Baron X-tension di Calligaris. Chiusa misura 90×50 cm ed aperta diventa un tavolo da 130×90 cm con gambe sempre perimetrali che garantiscono il massimo comfort a tutti gli ospiti. Nella versione con piano in laminato bianco lucido costa 750 euro.
Camera Sil-tre

La camera da letto infine è composta da un armadio 3 ante scorrevoli ad anta liscia con effetto frassinato completo di cassettiera e attrezzatura interna, comò e due comodini della serie Buk sempre in effetto frassino bianco, tutto Sil-tre. Completa la camera il letto Wave imbottito in ecopelle con contenitore di Poltronarigoni. Il costo totale di questa proposta è di 3.600 euro.
Letto Wave Poltronarigoni

A questi costi occorre aggiungere :3 sgabelli, il modello in foto (X-press di Calligaris) costa 90 euro, 6 sedie pieghevoli o impilabili da utilizzare con la consolle, il costo può andare da 70 a 100 euro; ed infine il materasso che può costare dai 400 ai 600 euro.Sgabelli X-Press di Calligaris
Ora tiriamo insieme le somme. L’arredamento completo di una casa di questo tipo, studiata su misura, composta in base alle ipotetiche esigenze di una giovane coppia  ammonta a  15.630 euro, con materiali di pregio, coperti nel tempo da garanzia (la cucina offre addirittura 10 anni di assistenza garantita!) e con moltissime possibilità di personalizzazione. E non si parla di elementi bloccati, con misure predefinite e inmutabili, o di fondi di magazzino!
Può costare di meno? Si, ma certo. Può costare di più? Altrettanto.
Il succo è che il prezzo lo fate voi, con le vostre scelte, con le vostre priorità e con i vostri gusti e desideri. Questa è solo una proposta, ma vorrebbe farvi capire che il prezzo è solo una delle variabili in gioco. La cosa davvero importante è lavorare su un progetto che vi appaghi e che alla fine risulti anche in linea con il vostro budget!
Cosa aspettate a portarci la vostra piantina?
Arrivederci alla prossima casa. La casa matura.

Nessun commento:

Posta un commento